News

MABASTA: un movimento anti bullismo fatto dagli adolescenti

MABASTA: un movimento anti bullismo fatto dagli adolescenti

Il 7 Febbraio 2016 in una scuola di Lecce è nato MABASTA, acronimo di Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti.
Il desiderio di impegnarsi concretamente si è affacciato dopo il tentivo di suicidio di una giovane ragazza di Pordenone, vittima di bullismo da parte dei suoi compagni. Sotto la guida del professore di informatica Daniele Manni, ad oggi presidente del Movimento, hanno mosso i primi passi creando una pagina Facebook e un sito Web per dare la possibilità di segnalare la propria storia, sia alle vittime che ai bulli stessi, nella piena consapevolezza che anche questi ultimi hanno bisogno di aiuto.

Sono moltissime le iniziative a cui MABASTA ha preso parte in questi anni.
Nel 2017 ha vinto il Premio Fabula per "C'era una volta il Bullismo"; nello stesso anno hanno incontrato il Papa, sono stati invitati dall'Agenzia Nazionale Giovani a partecipare alla Settimana Europea della Gioventù; in occasione dell'Anniversario di Confindustria Lecce è stato presentato come eccellenza del territorio.
Nel 2018 ha vinto la competizione internazionale per Imprese Sociali Open F@b ed è diventata un'Associazione ONLUS

Assecondando il significato dall'inglese della parola DAD (=papà), MABASTA ha istituito il Digital Antibullying Desk, un centro di ascolto digitale, realizzato grazie al crowdfunding e ad un finanaziamento pubblico, ideato e gestito da adolescenti che accoglie ogni genere di segnalazione di episodi di bullismo e cyberbullismo che si compiono dentro e fuori le scuole.
Negli ultimi due anni l'Associazione ha incontrato migliaia di studenti in decine di scuole e ha messo a punto un MODELLO MABASTA, assolutamente gratuito, che consiste in 6 azioni e alcuni suggerimenti da mettere in atto in ciascuna scuola per fare fronte comune contro il bullismo.

1000 a 0 è l'ultimo progetto dell'Associazione, una sorta di partita virtuale che vedrà protagonisti tutti i giovani dai 6 ai 18 anni che già praticano sport e che diventeranno ambasciatori del Modello MABASTA presso le proprie classi, in cui si faranno portavoci del rispetto reciproco e della capacità di fare squadra.
Si è scelto lo sport perché mezzo di aggregazione per eccellenza, perchè incentiva una competizione sana e un percorso di crescita personale e autostima. Con i suoi principi e le sue regole, lo sport è uno dei mezzi più appropriati ed efficaci per prevenire e contrastare il bullismo, il cyberbullismo e l’isolamento derivante da un uso eccessivo dei Social Network.
In virtù dell’attenzione che quotidianamente riserva alle giovani generazioni e alla loro formazione culturale e umana, da oggi la Fondazione Vincenzo Casillo MABASTA sono compagni di squadra nell'importante partita di prevenzione e contrasto ad ogni forma di bullismo e cyberbullismo.




Questo sito utilizza i cookie

Questo sito web utilizza i cookie necessari per un’analisi del traffico del presente portale necessari al suo funzionamento e a fornire funzionalità dei social media. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner o proseguendo in qualsiasi modo la navigazione sul sito acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

ok, acconsento

FONDAZIONE VINCENZO CASILLO
Via Sant'Elia z.i.
70033 Corato | Puglia | Italy
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Cod. Fisc. 92057130723


Iscrizione Newsletter

Ho letto la privacy policy e acconsento