Logo
Stampa questa pagina

La Fondazione e Casillo Group per il riscatto dei sapori

La Fondazione e Casillo Group per il riscatto dei sapori
Nella contrada San Vittore ad Andria (BT), in una masseria fortificata circondata da 10 ettari di terreno, un grande casale contadino confiscato alla criminalità è stato trasformato in un laboratorio tecnico-agricolo che ospita il progetto Senza Sbarre.
Circa 2 anni fa la Diocesi di Andria, nella persona di Don Riccardo Agresti, ha pensato ad un progetto, unico in Italia, che avvicinasse detenuti ed ex detenuti al mondo del lavoro e offrisse loro una possibilità di riscatto sociale
È nato così Senza Sbarre, con l'intento di favorire l'accoglienza residenziale e semi-residenziale di persone detenute nelle carceri italiane ammesse a programmi alternativi alla detenzione. 

Tra le iniziative di reinserimento sociale è stata lanciata la produzione dei taralli "aMano Libera", tipici prodotti artigianali della tradizione pugliese realizzati dai detenuti ed ex detenuti con l'ausilio di tutor che, grazie alla loro professionalità e sensibilità, insegnano ai ragazzi l'arte delle produzione artigianale e certificano la qualità del prodotto. 
Realizzati in tre differenti gusti, i taralli sono attualmente in vendita nei supermercati Dok, A&O, Famila e Sole 365, del gruppo Megamark di Trani.

La Fondazione Vincenzo Casillo e la Casillo Group hanno fornito gratuitamente per un intero anno le materie prime e hanno partecipato attivamente alla promozione e alla diffusione del progetto, permettendo di fortificarsi e iniziare a muovere i primi passi in ambito sia professionale che sociale.
Inoltre, in occasione della Pasqua, a causa delle molteplici difficoltà riscontrate a causa della pandemia da Covid-19, la Fondazione ha fatto una donazione a favore della continuità del progetto. 
È un'esperienza importante grazie alla quale si può imparare il rispetto per se stessi e per gli altri, vivendo insieme in modo sano e costruttivo in una comunità.
casillogroup logo interno15 w