News

La Fondazione Casillo entra nel Comitato Editoriale di VITA: cresce la voce della società civile organizzata

La Fondazione Casillo entra nel Comitato Editoriale di VITA: cresce la voce della società civile organizzata

Le affinità elettive non esistono solo tra persone. Si intercettano anche tra piccole e grandi realtà che operano secondo gli stessi valori, con l’intento di esprimere la stessa sensibilità verso gli stessi temi.
È il caso della Fondazione Vincenzo Casillo e di VITA, la più nota rivista mensile che si occupa di no profit e di promozione sociale. Di recente infatti la Fondazione è stata accolta nel Comitato Editoriale di questa realtà fortemente innovativa nata dai gruppi sociali intermedi e dalle libere aggregazioni di cittadini. Il comitato conta più di 60 tra le più importanti organizzazioni italiane del Terzo Settore, in rappresentanza di oltre 52.000 associazioni territoriali. Si tratta principalmente di un tavolo di lavoro tra associazioni, giornalisti ed esperti che costituiscono una vera e propria community operativa che stimoli a crescere e cambiare insieme il Paese.

Da più di 20 anni VITA si propone come spazio virtuale e cartaceo di confronto e dibattito, dove l’informazione è considerata un bene pubblico per eccellenza. Con il tempo la rivista si è affermata come fattore di innovazione per la coscienza pubblica del Paese, favorendo l’emergere della società civile organizzata e il suo riconoscimento legislativo.

A partire dal 28 settembre 2016 VITA è diventata Società Benefit, nel quadro delle nuove disposizioni introdotte con la legge di stabilità 2016 volte a promuovere la costituzione e favorire la diffusione di società che nell’esercizio di una attività economica perseguono una o più finalità di beneficio comune e operano in modo responsabile e sostenibile. Queste finalità di beneficio comune sono le stesse condivise e perseguite dalla Fondazione Casillo: promuovere e diffondere modelli economici e sociali sostenibili, con particolare attenzione alle forme di impresa sociale e al loro sviluppo; dare voce ai gruppi sociali intermedi, alle realtà profit e no profit italiane ed europee e alle libere aggregazioni di cittadini che esercitano la propria responsabilità di fronte ai bisogni; collaborare con le organizzazioni e le imprese per contribuire al loro sviluppo e amplificare l’impatto sociale positivo del loro operato.

Nell’esperienza di VITA e della sua storia si riconoscono tutte quelle realtà che pensano di avere molte cose da migliorare e imparare dagli altri, che si sentono in movimento, in evoluzione. Ogni anno quasi 5 milioni di persone in Italia si mettono gratuitamente al servizio degli altri in qualità di volontari.
Esattamente come nelle intenzioni della Fondazione Casillo, VITA valorizza l’identità sociale e storico-culturale della società italiana, con le sue caratteristiche uniche e dalle radici antiche; preserva la gratuità e l’impegno riscoprendoli e alimentandoli con il racconto; sviluppa relazioni e iniziative con e fra cittadini attivi; promuove iniziative che mostrano i cambiamenti sociali e animano i dibattiti su alcune parole chiave dello sviluppo sociale ed economico del nostro Paese: comunità e territorio, persona e comunità, beni comuni e impresa sociale. VITA e Fondazione Casillo insieme ambiscono a far crescere la voce della società civile e diffondere comportamenti positivi, responsabili e costruttivi.

Se nel campo di Diavata in Grecia esiste un artista siriano che improvvisa lezioni di arte ai rifugiati e che nei suoi quadri raccoglie tutte le emozioni del mondo, VITA è lo spazio giusto per raccontarlo, perché non si dimentichi la storia di un uomo gentile.
Un protocollo grazie al quale si connettono tutti i giovani talenti e tutte le start up dell’ecosistema Talent Garden, un progetto innovativo per l’integrazione finanziaria a beneficio dei migranti, una cena natalizia nel carcere di Volterra in cui lo chef è un ex ospite del penitenziario: tutte le storie che meritano un approfondimento umano di rilievo, in cui ogni lettore curioso, attivo e sensibile può identificarsi, hanno il loro posto. E il loro posto si chiama Vita.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

FONDAZIONE VINCENZO CASILLO
Via Sant'Elia z.i.
70033 Corato | Puglia | Italy
email: [email protected]
Fondazione Vincenzo Casillo