Reportage

Rondine La Cittadella della Pace: un borgo che mira alla rinascita

di Marilù Ardillo
Rondine La Cittadella della Pace: un borgo che mira alla rinascita

«Ama i tuoi nemici perché essi tirano fuori il meglio di te», asserisce Friedrich Nietzsche.
Se volessimo accogliere il suo suggerimento, dovremmo provare anzitutto a considerare il conflitto come un’opportunità e tentare poi di scoprire nel proprio nemico la persona.
In un borgo toscano che sfida le leggi del tempo, c’è un’Associazione che sta provando a dare delle risposte, a Nietzsche e a tutti noi. Rondine l’hanno chiamata, la Cittadella della Pace, si affaccia sulle rive dell’Arno.
L’immagine che una rondine porta subito alla nostra mente è quella di chi parte, di chi torna, di chi fa parte di un gruppo che ogni giorno si muove leggero e che è guidato da qualcosa che ancora rimane un mistero. Di chi vive l’intera sua esistenza mirando la rinascita della primavera. La Cittadella della Pace muove i suoi passi seguendo le stesse suggestioni.

Rondine è uno Studentato Internazionale dove ogni giorno giovani di culture diverse che provengono da Paesi in conflitto imparano a dialogare. Arrivano in Italia dopo un accurato percorso di selezione nei loro Paesi (Balcani, Europa Orientale e Caucaso del Nord, Caucaso del Sud, Medio Oriente, Africa Sub-Sahariana) per seguire corsi di laurea e post laurea nelle università italiane.
Al termine del programma ritornano nei loro Paesi con una formazione d’eccellenza e una nuova consapevolezza, per lavorare a favore della riconciliazione e del cambiamento.

Rondine è prima di ogni altra cosa un’Associazione di volontariato, costituita da un consiglio di amministrazione, da uno staff e da numerosi volontari.
Del Consiglio di Amministrazione fanno parte affermati professionisti del mondo della cultura e dell’imprenditoria; nello staff ci sono i formatori, gli educatori, gli esperti in relazioni internazionali e in comunicazione, project manager, cuoche e personale di servizio. I volontari offrono un supporto fondamentale: aiutano gli studenti nella gestione della vita quotidiana e nelle occasioni speciali.
La selezione si svolge ogni anno attraverso la diffusione del bando in ciascun Paese di provenienza dei giovani dello Studentato, rivolto ad un’età compresa tra i 19 e i 26 anni.
Se avete voglia di mettervi in gioco, accettare di imparare a rispettare la diversità di persone e situazioni, dovete possedere almeno 4 requisiti: ottimi risultati nello studio, una motivazione autentica e convincente a prendere parte al progetto, un interesse per il conflitto inteso nell’accezione più ampia possibile e la volontà di vivere un’esperienza umana profonda, mostrandosi pronti a sperimentare una vita comunitaria internazionale, facendosi promotori della cultura della convivenza e del confronto.
Ogni anno vivono a Rondine circa 30 studenti che arrivano nel pieno del loro percorso formativo professionale e personale. Hanno carriere ed esperienze di vita nel campo sociale e umanitario molto diverse, ma sono accomunati dal desiderio di migliorare il proprio Paese.

Raccolgono contatti, accrescono le loro competenze e grazie alla Lega delle Rondini d’Oro - la rete di ex studenti di Rondine - riescono spesso a dare corpo alle loro aspirazioni.
Le Università italiane con cui la Cittadella della Pace collabora sono circa 23 e 40 sono quelle straniere, passando per la Serbia, la Turchia, la Russia e l’Egitto.
Naomi, Tony, Agharahim e Ibrahim hanno lasciato la loro traccia, e nei loro racconti raccoglierete tutti i dettagli più significativi circa lo svolgimento della vita quotidiana nello Studentato.
Una ricca biblioteca a disposizione di tutti per lo studio e il relax, i pranzi e le cene condivisi, le celebrazioni delle tradizioni religiose di ciascuno: ogni momento di interazione a Rondine si compie all’insegna della fiducia e dell’unione.

Rondine dal 5 Luglio 2018 è diventata addirittura un Metodo. Dopo il riconoscimento accademico da parte dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università di Padova e la prima applicazione concreta nell’ambito delle elezioni presidenziali in Sierra Leone, Rondine è arrivata negli USA alle Nazioni Unite come esperienza d’eccellenza italiana sulla risoluzione del conflitto: una buona pratica da cui ripartire sul grande tema dei Diritti Umani.

La Fondazione Vincenzo Casillo ha scelto di sostenere i valori e le intenzioni di Rondine finanziando una borsa di studio ad una ragazza di Bari che sta frequentando presso lo Studentato il progetto Quarto anno Liceale d’Eccellenza: Giulia Romagnolo, 17 anni, proveniente dal Liceo classico Socrate.
Quarto Anno Liceale d’Eccellenza offre la possibilità a 26 diciassettenni di tutta Italia di frequentare un anno di scuola per formarsi come cittadini del mondo. Si tratta di un’esperienza internazionale e innovativa che prepara i giovani ad affrontare il proprio futuro professionale. È una grande opportunità educativa riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca come percorso di sperimentazione rivolto a giovani talentuosi dei Licei Classico, Scientifico e delle Scienze Umane.
«Adoro scoprire, innamorarmi, mettermi in gioco, ma soprattutto sorprendermi». Dice Giulia. «Sono ottimista di natura, ogni occasione è buona per imparare. Rondine mi ha incuriosita per la sua offerta formativa che oltre a permettere di vivere un’esperienza interculturale mi dà l’occasione di lavorare concretamente su me stessa. Perché studiare e formarmi in un ambiente tecnologicamente all’avanguardia aperto al dialogo, dove è possibile rendere realtà i nostri progetti è tutto quello che cerco.
Rondine è la mia occasione di svolta. Posso finalmente spingermi oltre il mio limite».

Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner cliccando sul pulsante di conferma, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

FONDAZIONE VINCENZO CASILLO
Via Sant'Elia z.i.
70033 Corato | Puglia | Italy
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.IVA 92057130723