Reportage

Nel regno di Oz: uno spazio educativo protetto
Ruvo di Puglia

di Marilù Ardillo
Nel regno di Oz: uno spazio educativo protetto __Ruvo di Puglia

Dopo Il mago di Oz, Frank Baum scrisse anche Il meraviglioso regno di Oz
In questa seconda storia il protagonista si chiama Tip, un ragazzo accudito da una strega non troppo buona, che in compagnia di Jack Lo Zuccone intraprende uno splendido viaggio fino alla Città di Smeraldo, in cerca della protezione del saggio Spaventapasseri.

Nello stesso spirito e traendone ispirazione, il centro socio-educativo diurno per minori “Nel regno di Oz” a Ruvo di Puglia (BA) si propone dal 2012 come luogo di aggregazione minorile e sostegno alle famiglie, con lo scopo di promuovere e sostenere la crescita di ragazzi tra i 6 e i 15 anni a rischio di devianza o con gravi disagi familiari.
L’esigenza di realizzare questo centro nasce dopo l’esperienza decennale della cooperativa sociale RAMA, nata ad opera di giovani volontari della Caritas di Ruvo che per alcuni anni hanno coordinato il centro minori diurno “Madre Teresa di Calcutta”, la comunità educativa “Kengah” e il centro aperto polivalente “L’isola felice” per i minori del territorio ruvese in condizioni di disagio economico o socio-affettivo. 

Nel regno di Oz è uno spazio educativo protetto, che tutela e favorisce una crescita armoniosa in un cammino di sviluppo personale. Nell’esperienza del minore, il centro diventa un supporto importante per imparare a collaborare con gli altri, per acquisire l’arte del divertimento, il valore dello studio, per migliorare la comunicazione e apprendere i principi fondamentali di una convivenza costruttiva e serena.

Nel regno di Oz ci si sente accolti, ascoltati, compresi e incoraggiati in virtù della scoperta di attitudini inesplorate. Si impara ad avere fiducia in se stessi e negli altri, si affinano le capacità espressive e creative. Si muovono i primi passi verso l’empatia
Gli operatori del centro favoriscono l’integrazione sociale e l’assistenza delle famiglie di appartenenza grazie ad un lavoro di rete con i servizi sociali, creano un collegamento con la scuola al fine di perseguire gli stessi obiettivi e sensibilizzano la comunità cittadina ai problemi dell’infanzia e dell’adolescenza.

Dalle 9:30 alle 20:00, escludendo le ore dedicate alla scuola, Nel regno di Oz si pranza insieme, si fanno i compiti con l’aiuto degli operatori, si seguono attività ricreative spesso organizzate dagli oratori, si disegna, si canta, si legge, si collaudano nuove ricette, si prepara il pranzo di Natale, si seguono laboratori teatrali, si organizzano mercatini, si fa sport e di tanto in tanto visite guidate per approfondire la conoscenza della natura e del territorio. Ma soprattutto, si esplorano le emozioni, si impara ad entrare in contatto con gli stati d’animo, a comprendere l’origine di alcune sensazioni e si tenta di trovare i mezzi per gestirle al meglio, nel rispetto di se stessi e degli altri. A questo servono i barattoli delle coccole e dei gesti d’amore. A questo servono le due lavagne dei meriti e delle emozioni. Perché attraverso il gioco si sperimenti il comportamento più giusto, quello che fa sentire bene. 

La Fondazione Vincenzo Casillo ha scelto da oggi di inaugurare un nuovo spazio virtuale in cui offrire visibilità a piccole realtà che operano nel terzo settore e che loro malgrado non hanno la possibilità di emergere e comunicare la propria esistenza e il proprio operato.

Nel regno di Oz c’è una bella energia. E i muri sono disegnati e colorati: servono a ricordare che ogni giornata è un piccolo viaggio, che la Città di Smeraldo esiste e che ogni ragazzo ha il pieno diritto di raggiungerla.

FONDAZIONE VINCENZO CASILLO
Via Sant'Elia z.i.
70033 Corato | Puglia | Italy
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.IVA 92057130723